domenica 30 gennaio 2011

Mohamed Ghannouci traghetta la Tunisia verso una nuova dittatura..



Sono passate meno di due settimane dalla fuga di Ben Ali, con il popolo tunisino che festeggiava  per la libertà      ottenuta,Gennaio si avvia al termine e nella capitale si odono ancora spari con  misteriose sparizioni di manifestanti sopratutto di gente proveniente dal'entroterra tunisino ( Sidi bouzid ,Gasfa ecc) la tv di stato continua a riportare notizie riguardanti saccheggi attuate dal popolo, di atti di violenza e di razzismo  nei confronti dei tunisini del sud  diretti nella capitale dando vita alla famosa ''  marcia della dignità'' . Sono venuti da ogni angolo della Tunisia per manifestare contro Mohamed  Ghannoucci, e il suo governo , quest'ultimo per far calmare i bollori cambia i ministri ma il popolo continua a manifestare . ''Ghannouci se ne deve andare , è stato il braccio destro di Ben Ali per undici anni'' afferma un manifestante di Sidi Bouzid , un secondo manifestante grida dietro di lui ''  mio fratello è stato arrestato e non sappiamo che fine abbia fatto''. Le manifestazioni nella Casbah continuano da una settimana è la repressione di M. Ghannouci sta pian piano  assumendo la ferocia del regime Ben Ali, nelle ultime quattro giornate di scontri sono decedute quattro persone fra cui due di Sidi Bouzid per il lancio di Gas che secondo alcuni testimoni sono tutt'altro che lacrimogeni, secondo un testimone cui il video  gira sul web face bookiano un autista di un bus delle linee T.U.S è morto asfissiato per il lancio di un gas al'interno del mezzo , la polizia in borghese e in divisa distruggono vetrine di negozi ,disperdono e distruggono gli  accampamenti  degli manifestanti. Secondo la testimonianza di  un Medico ospite  al'emittente televisiva NESSMA  alcuni agenti in uniforme a Gafsa irruppero nella mattinata di Venerdi  in un ospedale del luogo disperdendo  persone e  distruggendo il tutto  nascondendo  droghe,armi da fuoco e armi bianche al'interno del'edificio sanitario per poi chiamare immediatamente i giornalisti per mostrare il tutto e screditare la rivoluzione attuata dal popolo. Nelle gli ultimi due giorni la televisione tunisina ha assunto spaventosamente le caratteristiche dell ex emittente del regime, con servizi del'operato del governo e notizie di presunti saccheggi da parte del popolo. 
Un video amatoriale mostra come le varie masse popolari provenienti da tutta la Tunisia ( Sidi Bouzid, Ben guerden, Gasfa ,Tattaouine ecc...) ricevono assistenza dagli abitanti di Tunisi , coperte ,latte, pane e altri  beni di prima necessita, quando un abitante di Tunisi si avvicina chiedendo la parola  : ci stanno accusando ingiustamente,dicono che siamo ladri e criminali, ci accusano di razzismo nei confronti delle popolazioni del sud, mostrando armi che solo la polizia possiede'' , chiedendo alla telecamere di girarsi l'uomo mostra il pane il latte e tutti i beni  di prima necessita che gli  abitanti di Tunisi hanno messo a disposizione degli accampati, durante il video un altro ragazzo che distribuisce bottiglie d'acqua naturale chiede alla telecamera di avvicinarsi '' guarda cosa stiamo facendo ,vogliamo dimostrare  al mondo che non siamo criminali come ci ha descritti Ghannouci e il suo governo, l'emittente '' El Watania'' è fortemente manipolata dal governo che  di conseguenza continua a screditare la nostra rivoluzione,  non fanno vedere  questi atti di solidarietà fra cittadini , non mostrano come il popolo tunisino è unito e si aiuta a vicenda, ma come si può  ottenere la libertà  se non ci si aiuta''. Con la caduta di Ben Ali sono aumentati i gruppi face bookiani contro il suo partito e contro Mohamed  Ghannouci, contenenti  video amatoriali , immagini e notizie vere dei fatti , è grazie a loro che noi Blogger tunisini d'Europa  stiamo continuando a riportare notizie della rivoluzione  senza essere influenzati dal emittente di stato '' El Watania''che fa apparire  la situazione sotto controllo, al'interno di questi gruppi un video viene condiviso di profilo in profilo, un ragazzo tunisino amministratore di un gruppo contro Mohamed Ghannouci ci fa vedere dei messaggi privati ricevuti da profili fantasma , messaggi contenenti  minacce intimano la chiusura di questi gruppi pena eventuali attacchi informatici ai singoli profili face book e alle loro caselle e-mail, fino ad arrivare a minacce contro la persona fisica, i vari blogger locali accusano attacchi informatici clandestini  contro i propri recapiti elettronici ,accusando Mohamed  Ghannouci  di tentare una censura ''clandestina'',Il paese è nel caos più totale , in un altro video amatoriale dei poliziotti  appostati  nei tetti delle case adiacenti le moschee impediscono  l'ingresso ai fedeli con spari ,lancio di pietre e legna di grossa portata, nemmeno l'arrivo di  Rashed Ghannoucci leader del partito islamico ''ENNAHDA'' ha raffreddato la situazione del paese sempre più in crisi per via delle repressione '' occulta'' del primo ministro Mohamed   Ghannouci. Con questa politica mascherata  Ghannouci tenta  di ricostruire un regime oramai ''defunto''  nel pieno  di una  rivoluzione che ha già fatto troppi morti, con risultati che si preannunciano disastrosi per ambedue le parti.            


Per i martiri 

Per il popolo 

Per la libertà della Tunisia.                    

                                                                                    Bou Sufi

                                                     

Mohamed Ghannoucci capo del governo ad  interim

Vittima della repressione del governo Ghannouci

Rashed Ghannouci Leader del partito islamico
'' ENNAHDA''


3 commenti:

  1. Grazie, l'ho segnalato sul mio blog.

    Credo che sia utile per capire anche ciò che sta per succedere in Egitto.

    RispondiElimina
  2. Ciao, ti esprimo grande ammirazione per il tuo lavoro e colgo l'occasione per segnalarti un articolo pubblicato la settimana scorsa da Centonove, un settimanale di Messina:
    http://www.centonove.it/4DACTION/w_story/C?21

    Io sono senza parole, come molti miei amici.
    Ti ringrazio ancora.Concetta.

    RispondiElimina
  3. Ciao,
    hai voglia di parlare in privato?

    come fare?

    RispondiElimina