sabato 7 gennaio 2012

Lettera del popolo tunisino al mondo.


Nel primo anniversario della nostra rivoluzione ecco a voi una lettera indirizzata ai restanti popoli del mondo....




Se un giorno il popolo vorrà la vita il destino dovrà sicuramente avverarsi, la notte scomparirà e le catene si spezzeranno. 
                                           Abou Kacem Chebbi  1909-1934
                           
                                           
Ci siamo svegliati il 17 Dicembre con una notizia che ci ha addolorati. Abbiamo conosciuto seppur in tristi circostanze un uomo di nome Mohamed Bouazizi o meglio l'eroe della liberazione Mohamed Bouazizi. Dopo questo triste  episodio il tunisino senti' di non potere più aspettare . In quei venti tre anni in cui era soffocato  finalmente senti' il bisogno di respirare. Da qui inizia quella che i media internazionali hanno battezzato '' La Rivoluzione dei Gelsomini'' la sua forza non si caratterizzava dal suicidio di un essere umano ,ma dalla determinazione e dal volere di un popolo. Ed oggi arrivano notizie di un algerino, di un egiziano e di un mauritano immolatosi al fuoco di fronte al senato,di fronte un tribunale o di fronte un municipio, ma questo basta? Io non credo, una rivoluzione dev'essere caratterizzata dalla clemenza ed ogni popolo per compierla deve appoggiarsi alla propria esperienza, alla propria formazione e al desiderio di un futuro migliore per le prossime generazioni. Una rivoluzione come quella tunisina difficilmente si ripeterà e come tutti sappiamo il mondo è rimasto 222 anni in attesa di una rivoluzione di un popolo contro il potere, dal lontano 1789 data della rivoluzione francese. Il popolo tunisino nonostante tutto è fiero di aver finalmente conquistato un spazio nel cuore dei restanti popoli del mondo.Cercate di risolvere i vostri problemi con i vostri metodi in quanto il '' copia e incolla'' non sempre funziona quando un popolo decide di spezzare le proprie catene....

Che la pace e la misericordia di Dio discenda su di voi...


Il popolo tunisino.

Nessun commento:

Posta un commento