mercoledì 7 marzo 2012

Appello alle coscienze



video



Traduzione dell' Appello di Imed Soltani , portavoce della delegazione delle famiglie dei scomparsi arrivata in Italia lo scorso 28 Gennaio 2012.


Incontro della delegazione con Rashed Ghannouci , leader del partito '' Nahda''
''Voglio fare un appello al governo tunisino, votato dal popolo e che continua ad affermare di voler risolvere tutti i problemi del popolo tunisino. Io gli dico no, voi ( il governo) non siete riusciti a risolvere i problemi di tre persone e pretendete di risolvere quelle di un popolo? Non va bene. Noi siamo quelle tre persone. Io sono Imed Soltani, rappresentante delle famiglie dei dispersi, assieme a Mahrezia e Nourredine sono 20 giorni che siamo in mezzo alla strada senza che nessuno ci abbia ascoltati, se dite di non sapere nulla di noi io vi dico  non è vero. Cominciamo dal sig Rafik Abdslem ( ministro degli esteri tunisino) che a dichiarato al popolo tunisino che la delegazione e tutti questi giovani stanno bene, io gli dico che ciò che ha dichiarato non è vero, noi siamo in mezzo alla strada, se non era per le varie associazioni italiane che ci stanno aiutando e che chi hanno fornito gli avvocati, a quest'ora saremmo in mezzo alla strada. Noi siamo qui , vieni a vederci , vieni a vederci e piangerai. Abitiamo in una stanza per i senza tetto, mentre per il cibo mangiamo solo una volta al giorno, e tutto questo in nome dei nostri ragazzi, e ci rattrista vedere  il nostro stato non aiutarci mentre continua ad affermare di voler risolvere i problemi del popolo tunisino.  Potete chiederci chi siamo? Noi siamo i parenti di coloro che vi hanno riportato la libertà , mettendovi nelle ''sedie'' in cui adesso vi trovate, i parenti di coloro che hanno permesso agli esiliati di ritornare in Tunisia , lasciandoli prendere le ''sedie'', sono queste le persone che stiamo cercando, la gioventù che ha mostrato il  proprio petto ai proiettili  in nome della vostra libertà e di quelle ''sedie'', di certo non sono stati coloro che adesso richiedono a viva voce l'estradizione del '' deposto'' ( Ben Ali) , ma sono loro ( i dispersi) che voi chiamate '' criminali'', sono loro che hanno combattuto con le pietre, sono loro che hanno attraversato il mare , sono loro che sono annegati e sono loro che stiamo cercando,normalmente dovreste onorarli, e non ignorarli dimenticandoli , facendo di conseguenza impazzire i loro cari. Mi rivolgo anche al segretario di stato Houcine Al jaziri , l'incaricato per gli affari sociali all'estero, noi siamo qui e conosce bene il nostro problema e lo abbiamo contattato telefonicamente facendoglielo presente, ma non ci ha mai ascoltati e non ci ha mai trovato una soluzione per continuare la ricerca dei nostri figli, e nonostante tutte queste intemperie noi non faremo ritorno in Tunisia finche non troveremo i nostri figli. E quando il sig Rashed Ghannouci  leader del partito votato da tutto il popolo tunisino, venne ( a Roma), provammo ad'incontrarlo ma ci disse di non avere tempo. E' vero ci sono le immagini di un nostro incontro, immagini scattate il giorno dopo un suo congresso,ma lui per paura di una nostro attacco in pubblico ci accolse per non farci ''parlare'', ma quando ci ricevette vide che siamo gente educata e gli avevamo detto che non volevamo fare quello che lui aveva pensato,gli dicemmo vai e mettici la tua parola e discutiamo sulla sorte dei nostri giovani e cerca di portare la nostra parola , racconta cosa stiamo passando qui ( in Italia). Sig Rashed noi non siamo venuti fin qui per passeggiare, il compito che spetta allo stato ( tunisino) lo stiamo facendo noi, senza ricevere nulla, noi vogliamo solamente cercare i nostri figli , vittime del governo precedente ( di El Beji Caid Sebsi) che gli ha aperto le frontiere marittime spingendoli a prendere il largo per avere campo libero E fare quello che vogliono, digli che è un ingiustizia, è un ingiustizia accorgetevi di noi e ascoltateci, stiamo soffrendo qui ed è impensabile che una madre o un padre ritorni ( in Tunisia) quando il sig Abd Rahman Ben Mansour, console di Palermo, gli dice che i suoi figli sono vivi e si trovano nel nord Italia. Come volete che una madre ritorni? Digli di svegliarsi , se non siete riusciti ad aiutare tre persone non immagino che possiate occuparvi della Tunisia. Sveglia sig Al Jaziri, non puoi usarci per attaccare policamente  il Sig Abdouli del partito ''  El Teketol'', questo non è il momento per fare politica , se lui inviandoci  in Italia ha sbagliato, non puoi farci dimenticare e costringerci a dormire per strada solo per dimostrare a tutti che Abdouli ha sbagliato  o come lo stesso Abdouli  che pur di fare uno '' sgarro politico'' a Al Jaziri, fa di tutto per rinviare la cacciata di Abd Rahman Ben Mansour console di Palermo, facendo cosi pagare a noi il conto. Digli che non è giusto , voi due ( Abdouli e Al Jaziri) ci state usando per fare politica, non è giusto, dovete lottare per il popolo che vi ha votato e non giocarci come un pallone, non voglio ripetervi di nuovo queste parole, siamo sfiniti non c'e la facciamo più, lasciateci finire abbiamo fatto avviare un indagine, abbiamo fatto arrivare le nostre parole. da quando siamo arrivati ci siamo fatti sentire dagli italiani che ci hanno aiutato, lasciateci continuare in modo che potremmo finalmente trovare i nostri figli. Se voi potete trovare i nostri figli senza di noi, trovateli e fateci ritornare in Tunisia, io ho lasciato casa mia come anche  Mahrezia e  Nourredine, questa responsabilità l'abbiamo presa a nome di tutte le famiglie in Tunisia e dobbiamo lottare per essa, quindi faccio un appello al popolo tunisino in modo che possa parlare con questo governo visto che non abbiamo nessuno che ci ascolti . Infine vogliamo  ringraziare il Sig Rashed Ghannoucci per averci ignorati concedendosi a noi solo per non farci alzare la voce durante il congresso. Non è questo il personaggio che ci aspettavamo , ci aspettavamo qualcuno che difendi i diritti dei musulmani.......''


Touhami Abdouli, segretario di stato presso il ministero degli esteri
( Partito Tekettol) 
Le accuse di Imed non hanno risparmiato neppure il '' cordiale'' segretario di stato presso il ministero degli esteri Touhami Abdouli , che Domenica scorsa durante un incontro con le comunità tunisine a Mazara del vallo ha più volte rassicurato tutti circa l'imminente cacciata del console di Palermo ( Resa dei conti parte seconda : Mazara del Vallo). Dichiarazione contraddittoria secondo Imed, in quanto lo stesso Abdouli ha più volte ritardato la decisione di cacciare il console, decisione fortemente voluta dal segretario di stato all'emigrazione e i tunisini all'estero , Houcine Al Jaziri, dopo che quest'ultimo è venuto a sapere,in un incontro a Palermo con le comunità tunisine della Sicilia, delle malefatte passate del console Abd Rahman Ben Mansour ( La resa dei conti)  . Sempre secondo Imed, le ragioni che hanno spinto Abdouli a ritardare la cacciata dell'odiato diplomatico, siano state di natura prettamente politica, una sorta di provocazione lanciata da Abdouli ( Partito Teketol) nei confronti del collega Al Jaziri ( Partito Nahda). Di conseguenza Al Jaziri per ''vendicarsi'' politicamente ha cercato di dimostrare a tutti le conseguenze dell'errata decisione di Abdouli nell'inviare alcuni familiari dei dispersi in Italia, per dimostrare ciò, ostacolò in tutti i modi possibili la missione della delegazione, spingendo cosi le famiglie a provocare un terremoto mediatico atto a ledere l'immagine di Touhami Abdouli e del ministero degli esteri tunisino fuori e dentro la Tunisia.






Abd Rahman Ben Mansour , Console di Palermo
 
Houcine El Jaziri, segretario di stato all'emigrazione  e i tunisini  all'estero ( Partito Nahda)