mercoledì 6 febbraio 2013

Assassinio Chokri Belaid : La testimonianza di Nadia Deoud

Ucciso questa mattina Chokri Belaid,  figura importante dell'opposizione tunisina e leader del partito '' patrioti democratici''.  Parla Nadia Deoud , giovane giornalista free lance e testimone del terribile agguato allo storico oppositore politico.






Chokri Belaid durante un comizio nel Dicembre 2010
'' Mi chiamo Nadia Deoud , giornalista free lance. Sono vicina di casa del defunto Chokri Belaid , abitavo al quarto piano e lui al primo. Ero affacciata dal balcone quando vidi l'autista , in attesa dell'arrivo di Belaid, parlare con qualcuno.L'agguato è avvenuto verso le 07:50 del mattino. Una volta che Belaid raggiunse l'automobile due tizi a bordo di un motorino si avvicinano sparando prima un colpo e dopo altri tre in rapida successione. La cosa che mi ha più sconvolta è stata la mancata reazione dell'autista di fronte all'imminente assassinio del Dottor Belaid. Mi assumo tutta la responsabilità su ciò che sto dichiarando: l'autista sapeva dell'agguato.Pochi minuti prima vidi l'autista parlare con qualcuno, subito dopo arriva la motocicletta della morte che fredda con diversi colpi d'arma da fuoco Belaid, seduto sul sedile anteriore accanto all'autista.




Tunisi 6 Febbraio 2013
In seguito al decesso di Chokri Belaid avvenuta questa mattina nell'ospedale '' Ennasr '' di Tunisi,migliaia di manifestanti sono scesi in strada chiedendo le dimissioni del governo. Alle ore 15.30  un corteo funebre che trasportava il feretro del politico è stata fatta passare di fronte il ministero dell'interno in piena Avenue Bourghuiba dove la polizia ha fatto largo uso di lacrimogeni per allontanare il corteo. Intanto sono state pervenute minacce anonime a Hamma el Hammami , leader del partito operaio comunista tunisino, dove gli viene intimato di '' non cavalcare'' la triste vicenda del compagno assassinato.Date alle fiamme la sede del partito islamista al potere a Sfax, dove la gente inferocita ha chiesto la testa dei responsabili .Intanto la '' lega per la difesa della rivoluzione ''  torna a far parlare di se attaccando a colpi di spranghe e bastoni alcuni manifestanti nella città di Sousse. Dura condanna di Rashed Ghannouci leader del partito islamista '' Nahda'' che ha definito gli autori di questo barbaro assassinio '' nemici della patria e dell'islam''.Nel tardo pomeriggio arriva l'atteso discorso alla nazione di Hamadi Jebali , primo ministro tunisino , che annuncia lo scioglimento dell'attuale esecutivo con la conseguente creazione di un governo di unità nazionale.Dimissioni di massa di una parte dell'assemblea costituente.