sabato 4 febbraio 2017

Io e la Fortezza Europa. O meglio : ''Operazione Sophia ''

L'operazione Sophia, meglio conosciuta con l'acronimo '' Eunavformed '' European Union Naval Force Mediterranean (in italiano: Forza navale mediterranea dell'Unione europea) è un'operazione militare lanciata dall'Unione europea in conseguenza dei naufragi avvenuti nell'aprile 2015 che hanno coinvolto diverse imbarcazioni che trasportavano migranti e richiedenti asilo dalla Libia. Lo scopo dell'operazione era quella di neutralizzare le consolidate rotte della tratta dei migranti nel Mediterraneo. La sede operativa è situata a Roma.

Dal 24 Agosto 2016,in seguito all'accordo siglato nel quartiere generale di Centocelle,a Roma,tra l'ammiraglio italiano Credendino e l'ammiraglio libico Al Touhami per conto del governo di Tripoli di El Sarraj,l'operazione ''Sophia'' si prefissò l'obbiettivo di addestrare la marina e la guardia costiera della Libia occidentale. La missione iniziò ufficialmente il 26 Ottobre,quando 80 militari libici furono prelevati da Misurata dalla Nave militare italiana '' San Giorgio '' e la nave militare Olandese '' ''Rotterdam''. Diviso il gruppo dei libici in due squadre (40 libici su nave '' San Giorgio '' e altri 40 sull'olandese '' Rotterdam'') il 28 Ottobre 2016 iniziava cosi la campagna di addestramento della guardia costiera libica.
Per facilitare il lavoro degli addestratori europei furono assunti 9 interpreti civili provenienti da tutta Italia che avevano il compito di tradurre le lezioni dalla lingua inglese all'arabo. Due interpreti per l'addestramento su nave '' Rotterdam '' (io e un amico ) e i restanti sette su '' San Giorgio ''.
In questa foto,scattata molto probabilmente agli inizi di Novembre,avevo accompagnato gli addestratori britannici della '' Royal Marine '' di sua maestà e addestratori della Marina militare Greca a bordo di un mezzo da sbarco olandese (io sono quello a destra della lavagna, concentrato a decifrare l'inglese dell'addestratore scozzese). Faceva freddo e il mare a largo di Malta era mosso. Durante la lezione pratica a bordo del mezzo da sbarco olandese su nave '' Rotterdam'' era in corso una visita dell'ammiraglio Credendino accompagnato dall'ammiraglio libico Touhami.
La lezione di quel giorno doveva insegnare ai giovani militari libici le varie tecniche di abbordaggio di un mezzo sospetto. L'addestratore britannico con il suo terribile accento scozzese rendeva il mio lavoro di traduzione impossibile. Fortuna che quel giorno erano previste pratiche in mare. Quindi non dovevo starmene per cinque ore chiuso in una classe a tradurre.  Infatti subito dopo la breve lezione orale partì quella pratica che consisteva nell'imbarcare i libici sui dei barchini d'assalto per simulare l'abbordaggio di un imbarcazione sospetta. Incuriosito, chiesi agli addestratori l'autorizzazione e m'imbarcai anche io su uno di quei mezzi, e '' assaltai '' anche io il mezzo sospetto tra le risate degli addestratori e quella dei giovani libici. Infatti,in seguito a questo episodio i libici mi soprannominarono '' El mutarjem el muqtahim '' (l'interprete d'assalto).
Una volta a bordo scattò la seconda fase : la perquisizione dell'equipaggio. L'atmosfera non fu tesa e l'addestramento prese la piega di un gioco di ruoli. Infatti una volta abbordata l'imbarcazione sospetta gli addestratori mi chiesero di recitare la parte del capitano di un peschereccio tunisino che oltre a trasportare '' qualche chilo di cocaina '' nascondeva 5 migranti cui ruoli vennero recitati da altri 5 militari britannici. Una volta scovato il '' carico illegale '' l'atmosfera si scaldò : il più anziano tra i libici cominciò a urlare ordini contro tutti i membri dell'equipaggio. Un libico, un certo Mu'waaya, prese sul serio la parte e mi ordinò in tono minaccioso ,di mettermi in ginocchio con le mani dietro la testa e la faccia rivolta verso la paratia. E fu qui scattò la terza fase,la più importante,almeno per gli autori della fortezza europa : i libici,una volta conquistato il controllo del mezzo sospetto,dovevano condurlo al porto libico per consegnare i '' criminali '' agli ingranaggi della ''giustizia'' libica.
Continua.....